istituzionale

MC_001

MC_002

MS0_3715

MS0_5808

MS0_5898

MS0_6543

MS0_6764

MS09816_2

IMG_7156

IMG_7083

IMG_4890

IMG_4896

IMG_4955

IMG_5814

IMG_6329

IMG_6333

IMG_6447

IMG_6640

TS_001

Corsa all’Anello, domani il grande corteo storico

A partire dalle 21 per le vie della città si snoderà la suggestiva sfilata con oltre 700 figuranti in abito trecentesco con tante novità

NARNI 12 maggio 2017– Gran finale per la 49esima edizione della Corsa all’Anello. Domani sera (13 maggio) a partire dalle 21 il grande corteo storico attraverserà le vie della città, facendo da suggestivo prologo alla gara equestre che si terrà allo stadio San Girolamo domenica 14 maggio. La sfilata, come di consueto, conterà la presenza di circa settecento figuranti e riproporrà per tradizione la processione in onore di San Giovenale del 1371.
Aprirà il corteo il suono dei musici, il gruppo delle magistrature comunali e pontificie con i propri gonfaloni e stendardi, quindi i terzieri di Mezule, Fraporta e Santa Maria secondo l’ordine di arrivo alla Corsa all’Anello dell’anno precedente, con i gruppi delle fanfare, le autorità, le rappresentanze militari, i cavalieri della corsa, le corporazioni delle arti e le nobili casate delle antiche famiglie.
Mezule, presenterà quest’anno gli abiti nuovi di tutto il gruppo musici, formato da 25 elementi tra tamburini e tubicine. Stando a ciò che hanno rivelato le responsabili della sartoria Serenella De Arcangelis e Franca Fiaschini, tornerà la celebre onda bianconera che da sempre contraddistingue il gruppo mezulano. Per quanto riguarda la dama degli anelli, ci sarà un gradito ritorno. Tornerà infatti ad indossare l’abito bianco e nero Maria Stefania Cotini. Per il resto, le responsabili fanno sapere che hanno fatto dei ritocchi per riportare il corteo mezulano al rigore, all’eleganza ed alla sobrietà di un tempo, tornendo ai “vecchi schemi”. Per il cinquantennale, poi, verranno completamente rifatti gli abiti del gruppo degli anelli.
Santa Maria, ha continuato il progetto iniziato lo scorso anno, ovvero quello di rinnovare i vestiti degli armati, che quest’anno si è concluso con l’intero gruppo degli alfieri dei castelli, per la quale sono stati realizzati gli abiti, accessori e gli stendardi, realizzati a mano dall’artista locale Fabiola Cornice. Sono stati, inoltre, rinnovati con nuove passamanerie i vestiti degli uomini del consiglio e sono stati aggiunti importanti accessori ai vestiti del “gruppo anelli”. E’ stato iniziato un nuovo progetto, ovvero il completamento della famiglia Cardoli, con l’inserimento di un ceppo di Foligno. Molti personaggi del corteo sono stati scelti, come spiegano le responsabili Caterina Biagetti e Giorgia Latini, oltre che per la loro avvenenza, anche per la loro appartenenza e ormai consolidata militanza nel terziere. Con lo stesso criterio è stata scelta la dama degli anelli, che quest’anno sarà Michela Milli, donna che da tanti anni milita e collabora nel settore coreografico del terziere.

Fraporta, che lo scorso anno ha presentato sette nuovi abiti delle dame delle famiglie Marinata, Scotti e Montoro, effettuando studi approfonditi sulle famiglie e cambiando i colori degli stemmi delle casate, quest’anno non ha vestiti nuovi ma ha deciso di cambiare, rispetto allo scorso anno, tutte le dame del corteo esclusa quella degli anelli. Ad indossare infatti lo splendido abito blu e oro sarà anche quest’anno Gaia Leonori che lo scorso anno ha riportato dal campo l’anello d’argento ed è stata premiata dal terziere con la riconferma. Le responsabili Paola Mercorelli e Marina Franca hanno sottolineato che il corteo di Fraporta ha presentato dame figuranti diverse per ogni evento, per dare la possibilità a più donne del terziere di indossare gli abiti della sartoria rossoblù. Le responsabili hanno anche anticipato che per il cinquantennale verranno completamente rifatti gli abiti del gruppo musici.
Novità anche per quanto riguarda il corteo dell’Ente Corsa all’Anello. Quest’anno sfilerà in corteo un nuovo gruppo che rappresenterà “Maggio e l’amor cortese”, formato dai musici e tre damigelle, Anita Mascherucci, Sara Bellinelli e Silvia Isidori. E’ stato rinforzato anche il gruppo degli armati e a capo delle milizie ci sarò Giuseppe Abatini, figlio di Paolo, storico armato del corteo. Anche quest’anno nel corteo dell’Ente sfilerà la madrina, la modella ed attrice Dalila Pasquariello che indosserà un sontuoso abito trecentesco e porterà su un cuscino di velluto l’anello d’argento che verrà consegnato al terziere vincitore della Corsa all’Anello. Con lei ci saranno due damigelle, Arianna Nesta ed Eleonora Miliacca che porteranno due simboli della città: un drappo ed uno scudo con il grifo di Narni.
Ci saranno anche quest’anno tre dame scelte dai terzieri, simboli dei vessilli. Per Mezule ci sarà Natalia Pieroni, per Fraporta Maria Emilia Cari e per Santa Maria Barbara Del Frate, che recheranno in mano i tre simboli dei terzieri: la torre, la porta e la chiesa realizzati dall’orafo Mario Matticari. Le altre dame sono Elga Arbuatti e Cristina Posati. In corteo sfileranno anche lo schermidore Alessio Foconi ed il falconiere Giovanni Granati.
Il responsabile del corteo dell’Ente Corsa è il segretario coreografico Marco Matticari, coadiuvati da un team di di dieci persone. I bozzetti e la supervisione nella realizzazione degli abiti è a cura di Isabella Cola e Sara Piccolo Paci, con la collaborazione della sartoria del terziere Fraporta. Il corteo dell’Ente, quest’anno, è dedicato a Patrizia Solfaroli, colonna portante del settore coreografico scomparsa da pochi mesi.
Durante il pomeriggio, ci saranno altri due eventi che faranno da prologo al corteo storico.  Alle 18 in piazza dei Priori ci sarà il sorteggio dei cavalieri giostranti della 49esima edizione della Corsa all’Anello. Alle 20.30 si esibirà il gruppo Milites Gattamelata. Alle 23.30, infine, in piazza dei Priori si esibiranno gli sbandieratori della Città di Narni.

RSS
Facebook
Google+
Twitter
YouTube
Instagram