istituzionale

MC_001

MC_002

MS0_3715

MS0_5808

MS0_5898

MS0_6543

MS0_6764

MS09816_2

IMG_7156

IMG_7083

IMG_4890

IMG_4896

IMG_4955

IMG_5814

IMG_6329

IMG_6333

IMG_6447

IMG_6640

TS_001

I Terzieri

Come nella Narni medievale, di nuovo oggi nella Corsa all’Anello la città ha suddiviso il suo territorio tra le mura in tre Terzieri : Mezule la zona a monte verso la Rocca, Fraporta la città compresa tra la piazza dei Priori ed il Duomo e Santa Maria dall’antica chiesa di S.Maria Impensole dino alla porta Polella.

I terzieri sono oggi veri e propri centri di aggregazione, punti di riferimento per gli abitanti che offrono il loro impegno e la loro professionalità per il successo della festa.

Ogni terziere ha realizzato la propria scuderia per la preparazione degli abilissimi cavalieri della Corsa all’Anello, che si allenano in attrezzate strutture. Le donne dei terzieri, lavorano nelle sartorie sotto la guida di costumisti storici per la realizzazione dei costumi del corteo. La produzione di ogni abito è frutto sia di approfondite ricerche, tramite l’iconografia ed i documenti del tempo, sui tessuti, sui tagli, sul personaggio, sia dall’opera di abilissime mani che sanno trasformare le stoffe in splendidi abiti trecenteschi.

Il risultato è un corteo storico che offre uno spettacolo molto vicino a quello di una società umbra del XIV secolo. I giovani si incontrano per preparare le giornate medievali: studiano scene e riambientazioni, spettacoli e drammatizzazioni, l’allestimento di veri e propri tableaux-vivents che ripropongono immagini di famosi pittori del ‘300. Cortei e costumi, giornate medievali e riambientazioni, sono frutto di una gara che vede l’assegnazione, da parte di una giuria di esperti, del “Bravio per il miglior Terziere”, drappo dipinto da un’artista contemporaneo.

Le taverne sono lo spazio dove si consumano i momenti lucidi e conviviali. I caratteristici locali allestiti con arredamenti tipici, offrono le atmosfere dei tempi lontani unite ai saporri antichi della tradizione.

Perché i tre terzieri si chiamano così?

I loro nomi ci sono noti dai documenti storici: Mezule, Fraporta e S.Maria, tutti lo sanno, ma qual è l’origine di questi nomi? essi sono strettamente collegati al territorio comunale ed alla sua suddivisione, ma per alcuni anni (soprattutto agli esordi della corsa moderna) c’è stata un po’ di confusione riguardo alla loro vera etimologia, e ciò ha incredibilmente generato un errore “geografico” a cui, nel tempo, si è rimediato solo teoricamente, ma non geograficamente.

Spieghiamoci meglio: il Terziere S.Maria deve il suo nome alla chiesa di S.Maria Maggiore (poi S.Domenico), posta lungo la Via Mazzini, sebbene anche in questo caso per qualche anno alcuni concittadini hanno equivocato tale titolo con quello di un’altra chiesa, S.Maria Impensole, avanzando quindi il confine del terziere molto più in alto di quello storico.

La toponomastica ci aiuta per il terziere Mezule: storicamente il “mezzo” della città, ma allora com’è possibile che oggi questo nome indichi invece la parte alta del centro storico?

Il quesito è presto risolto: ad una prima rilettura delle fonti scritte, i fondatori della festa moderna ritrovarono a ridisegnare ex novo i confini dei terzieri, e si affidarono anche all’etimologia dell’altro terziere “Fraporta”:

Questo fu individuato, erroneamente, come la porzione di città compresa tra Porta Terzana e Porta Romana, e tale errore ha poi generato una catena di altri problemi, risoltisi con l’individuazione (per esclusione) del terziere Mezule con la parte restante della città: quella in alto, oltre Piazza del Lago, verso la Rocca (richiamata anche nel vessillo).

L’attuale Porta Terzana (delle Arvolte) è infatti posteriore al medioevo, quindi non collegabile all’etimologia del Terziere.

In realtà l’etimologia di Fraporta (in alcuni documenti cinquecenteschi anche Foraporta) sottintende la preposizione Infrà, che nel latino medievale corrisponde a “sotto – al di sotto di”. La porta a cui si fa riferimento è invece da intendersi come la “Porta Superior” della città, oggi nota come Arco Romano, la via d’accesso alla città dalla Flaminia, e la porzione di città al di là, oltre, oppure sotto questa porta, è proprio quella alta, oltre Piazza del lago!

Ecco quindi risolto l’arcano: la denominazione dei due terzieri da sempre nemici, e la loro collocazione storico- geografica andrebbe quindi completamente ribaltata!

terzieremezule.it
Via XX Settembre 28
Tel. 0744 71 50 62

Il Terziere Mezule, o Parte De Sopra, si colloca poco sopra piazza Garibaldi estendendosi fino alla Rocca dell’Albornoz; nascosto al grande flusso,conserva ancora oggi la tipicità e le caratteristiche del Borgo Medievale.

L’ingresso principale del Terziere,celato da altrui vessilli,si si inserisce nell’antico tracciato della via Flaminia (oggi via XX Settembre), che tortuosa scende dal colle ed improvvisamente entra nella piazza.

Per il visitatore che entra a Narni,il Terziere di Sopra non è immediatamente visibile,ma con un po’ di fortuna si scopriranno i suoi vicoli e le sue piccole piazze e con esse le taverne del Terziere… L’Hostaria,le Stranezze e l’antichissimo forno che ininterrottamente dal Medioevo ad oggi ha continuato a diffondere nell’aria profumo di pane e pizza.

All’interno di caratteristici locali,la consolidata tradizione mezulana nell’arte della cucina si affaccia nel nuovo millennio riscoprendo i piatti di maggior successo nel Medioevo : manfricoli,polenta,lenticchie,zuppe,cinghiale,agnello ed altre ancora sono le pietanze che negli anni hanno conquistato i commensali in visita alle Taverne del Terziere.

Per la XXXVII edizione della Corsa all’Anello il Terziere propone una importante novità: la focaccia cotta sui mattoni d’argilla riscaldati dal calore prodotto dalle fascine di leccio e corbezzolo, gustosamente accompagnata da erbe di campo, salsicce, prosciutto e formaggi. All’interno dei locali della Taverna delle Stranezze, illuminate dalla luce delle candele in un connubio fra cibo, canti e poesia, sarà data ai partecipanti la possibilità di vivere l’essenza del Medioevo.

Un momento indimenticabile che nasce per provare gusti e sapori del ‘300 seguendo i prestigiosi dettami del Trattato Culinario del Maestro Martino da Como; ricostruendo scrupolosamente l’atmosfera trecentesca verranno offerti dei Banchetti Medievali.

fraporta.it
Largo S. Francesco 13
Tel. 0744 71 52 85

E’ il Terziere che occupa la parte centrale della città, caratterizzata essenzialmente dalle due piazze principali e dai monumenti storici del Paese e dall’imponenza del Duomo.

Dopo numerosi anni di ottima ed inimitabile gestione dell’ex-priore Carlo Capotosti, oggi facente parte dell’organizzazione dell’Ente Corsa, il comitato del terziere è attualmente costituito da una nuova generazione di contradaioli ,agguerriti ed ambiziosi ,desiderosi di rinnovare la gestione del terziere, nella conferma delle sue grandi tradizioni. Il gruppo manifestazione di Fraporta è storicamente il punto d’incontro di tutti i simpatizzanti del Terziere.

Avendo a disposizione le due piazze principali della città, il terziere Fraporta ha utilizzato al meglio queste possibilità, sfruttando gli ampi spazi per riproporre allo spettatore delle suggestive scene di massa, coinvolgendo anche più di cento costumanti tra nobili e popolani, dando così un’impronta ben specifica alle sue manifestazioni.

Durante gli oltre 15 giorni di festeggiamenti, per allietare in allegria e libertà le serate dei graditi turisti visitatori, sono allestite dal Terziere Fraporta l’ Hosteria ed il Cantinone, per soddisfare tutti i gusti e tutte le esigenze.

Nel corteo del terziere, spiccano il gruppo tamburini, vincitore di numerosissimi premi, nonché gli stendardi dei castelli, dipinti da giovani artisti narnesi ed il gruppo dei musici medievali.

Tutti i costumi sono stati realizzati artigianalmente nella sartoria terziere, grazie alla abilità e alla passione delle sarte contradaiole, nel pieno rispetto dell’iconografia e documentazione storica.

Per quanto riguarda l’ambiente, spicca all’occhio la ricostruzione della Via dei Mercanti (oggi via dei Priori) con i grandi portali di legno tipicamente medievali, la suggestiva illuminazione con candele della chiesa di s.Francesco, dove si svolge ogni anno la tradizionale cerimonia di investitura dei cavalieri giostranti, e l’imperdibile addobbo di via del Campanile, scorcio emozionante del terziere.

Situate nel cuore del terziere, possiamo trovare l’ Hostaria, col classico e tradizionale menù dove spiccano le famose zuppe medievali e il pollo alla Fraportana, oltre ai consueti primi piatti (polenta,manfricoli,gnocchetti), alle arcinote lenticchie e fagioli, ed agli arrosti, ed il Cantinone, ricco di piatti minori con bruschette e crostineria di infiniti e gustosi sapori (tartufo), scafi e formaggi prelibati, ottimi vini Locali e vini di marca di grande qualità.

terzieresantamaria.it
p.zza S. Bernardo, 1
Tel. 0744 71 72 13

Il Terziere di Santa Maria, comprendeva, e comprende, la parte nord-ovest della città di Narni, parte che allora era la principale, dato che era attraversata dalla Strata Maior (oggi divisa tra via Marcellina e via Mazzini), sulla quale si affacciano ancor oggi i pi?ichi e importanti palazzi nobiliari.

Palazzo Scotti, palazzo Arca-Marinata, la Torre dei Marzi, palazzo Cardoli, palazzo Capocaccia pongono le loro splendide bifore ed i loro magnifici portali lungo la nobile via ma su essa si aprono anche edifici religiosi di estrema importanza: S.Maria Maggiore, (a cui il Terziere deve il nome ed il vessillo, una chiesa nera in campo arancio) l’antica cattedrale divenuta poi “d’inverno” contrapposta a quella “nuova” extra moenia di S. Giovenale e S. Maria Impensole, anch’essa antichissima chiesa, costruita sulle rovine del tempio di Bacco, luogo delle assemblee delle corporazioni cittadine.

Completano lo splendido elenco di edifici medievali (trascurando quelli di piverna origine, quali Palazzo Bocciarelli, Palazzo Mosca, entrambi all’inizio della via e la chiesa di S. Restituta) le porte che determinavano l’accesso alle antiche mura cittadine, quali porta Nova (consequenziale infatti al sacco dei lanzichenecchi del 1527) o della Fiera, porta dei Polelli e porta del Vodano; prima di arrivare alla porta Nova, comunque si può osservare un altro edificio di interesse non artistico ma storico: la casa di Erasmo da Narni, prode cavaliere di ventura noto come il Gattamelata, vuoi per i suoi modi suadenti, vuoi per il nome della madre Melania Gattelli.

Così grazie anche alla magnifica statua del Donatello, a Padova, che lo immortala a cavallo, il nome di Narni rimane e rimarrà nella storia comunque legato al condottiero, come lo stesso Erasmo amava ricordare: “Narnia me genuit, Gattamelata fuit”.