Gli Ambienti

10:00

Ambienti ricostruiti dal Terziere Mezule

Vasaio e Decoratore – Via Cocceio Nerva n. 2
Ricostruzione del procedimento per la manifattura, cottura e colorazione del vasellame;

Speziale – Via Cocceio Nerva n. 2
Profumi e colori di erbe e spezie raccolte e manipolate per preparare i medicamenti

Alloggio e forno medioevale – Vicolo del Monte n. 3
Ricostruzione di un’abitazione con arredi e suppellettili tipici del tempo e un forno a legna per la cottura pubblica del pane

Bottega di Pittore – Via del Monte n. 13
Ricostruzione di un laboratorio dove il maestro preparava colori e tavole, disegnava e dipingeva

Armaiolo – Via del Monte n. 11
Il fascino degli antichi cavalieri medievali, l’onore, il rispetto e quell’intramontabile aria d’avventura nella ricostruzione delle armi e degli accessori del XIV secolo.

Lavatoi – Vico dei Lavatoi
L’acqua è un bene comune, l’acqua come occasione di incontro e socialità. Le donne quotidianamente ivi si recavano e sciorinavano i panni con sonori colpi nell’acqua e grande forza di braccia.

 

Ambienti ricostruiti dal Terziere Fraporta

Ceraro
Caratterizzato da un ambiente semplice ma ricco di dettagli come le varie tipologie di candele che si potevano realizzare e gli strumenti utilizzati ciò che lo contraddistingue è il profumo della cera d’api propria del periodo medioevale.

Bottega del Falegname
Frutto di un’accurata ricerca degli strumenti di falegnameria medioevale piuttosto che del prodotto finito. Tra gli attrezzi possiamo osservare: asce per sgrossare il legno, trivelle per le assi e vari strumenti di misurazione.

Orto e Officina delle Spezie
Sono ricostruzioni semplici ed assenti di ricco vasellame poiché ci troviamo all’interno di un complesso conventuale di epoca francescana. L’Officina è stata realizzata nei pressi dell’Orto cosicché il monaco potesse adempire con maggiore comodità alla mansione del mutare il frutto della terra in rimedio medicamentoso.

 

Ambienti ricostruiti dal Terziere Santa Maria

Il percorso si snoda dal Portone all’ingresso del Terziere e si snoda lungo la via Mazzini, partrendo dal vicolo accanto a Santa Maria Impensole, torna su via Mazzini, scende fino a piazza Galeotto Marzio, poi scende in via degli Orti ed arriva fino a Porta della Fiera.

Bottega dell’Armaiolo
È ricreato ogni minimo dettaglio di oggetti atti alla difesa: con l’utilizzo di un grande maglio ed altri strumenti , vengono forgiate spade, lance, pugnali, scudi, armature e maglie metalliche.

Ars Spetialis
In un ambiente sacro e mistico, si staglia la bottega dello speziale, figura di grande rilievo,un pò medico un pò confidente. In questa bottega venivano raccolte erbe ai fini di cure mediche.

Cereria
È il luogo dove vengono realizzate candele in pura cera d’api, sciolta a bagnomaria, colata su stoppini di canapa ed appesa a freddare su assi di legno.

Chiesa di Santa Maria Impensole
Questo luogo di culto, conserva la sua sacralità con un grande crocifisso ligneo ed un trittico, il tutto illuminato dalla luce di tremolanti fiammelle.

Stufe
Poco prima di piazza Galeotto Marzio, un ambiente ambiguo e lussurioso. Le stufe tenevano caldi dei bagni pubblici , dove uomini e donne, si bagnavano nelle stesse vasche.

Bottega del dipintore
Sguardo suggestivo su un mestiere di elevata competenza. Di particolare rilevanza sono i colori , ricavati dal mondo vegetale, talvolta reperiti dallo speziale.

Difesa – Porta della Fiera
Ricostruito da esperti falegnami, un enorme portone, un ballatoio ed un accampamento medievale. Tutto ciò serviva alla difesa della città.

Copyright © 2018 by Ente Corsa all'Anello - Narni (TR). Tutti i diritti sono riservati.