Mese: Marzo 2021

Narni’s Cathedral of San Giovenale: a Setting of Splendor

Anne Robichaud talk about Narni’s Cathedral in Umbria, and San Giovenale

In Umbria medieval gem, the Narnesi unite in a joyous month-long celebration of San Giovenale

In Italy, the patron saints of cities, towns and villages are feted with joy, emotion, grande passione – and splendid celebratory events rooted in local traditions and history.

In Umbria medieval gem, Narni, the narnesi unite in a joyous month-long celebration of their patron saint, San Giovenale, with events including the re-enactment of medieval markets, banquets, pageants in elegant costumes, concerts and a jousting match.

A young doctor from Carthage will become the saint of Narni

A young doctor from Carthage (Tunis today), Giovenale headed to Rome – possibly to escape persecution (although little is know about his life) – and after his ordination, was sent to evangelize in the area of Roman Narnia and then was ordained Bishop of Narni.

Tradition tells us that he was a prolific miracle worker, and his thaumaturgy even resulted in the conversion of 2,000 in a single day. He died in 376 A.D. and was buried outside Roman wall of Narnia on the Via Flaminia, Roman consular road of 220 B.C.

His successor, Bishop Maximus built a chapel near his grave, using money donated by 40 sailors who had been saved in a storm by the intercession of the saint.

This chapel was probably the Sacello di San Cassio, which was built against the Roman city wall and is englobed into Narni’s Cathedral di San Giovenale.

The Offering of the Candles to San Giovenale in Narni’s

Since the 5th century, his feast has been celebrated on May 3rd, with events starting the night before in Narni’s San Giovenale Cathedral.

Flags of Narni’s three terzieri – competing in the jousting match mid-May – dangle from the arches of the Cathedral portico.

Many locals will gather in anticipation for the evening Offerta dei Ceri (“the Offering of the Candles”) celebration in which candles are offered in homage to San Giovenale by the medieval confraternita, the lay brotherhoods, and Narni dignitaries and nobility inside the Cathedral.

The flags of the three terzieri – Mezule (black and white), Fraporta (blue and red), and Santa Maria (purple and orange) – jut out from the 12th-century capitals flanking the main nave.

As day gives up to night, the procession of noblemen and confratelli of medieval Narni, parade solemnly into the San Giovenale Cathedral bearing lighted candles (ceri)….their veiled dame (noblewomen) waiting decorously to one side.

Backdropping the bishop as he leads prayers to the beloved Saint, the canopied baldacchino over the altar adds a Baroque touch to this medieval church – as does the 18th-century silver reliquary to the right of the bishop.

This bust of San Giovenale will be blessed and carried solemnly in the procession the next morning following a celebratory Mass in his cathedral.

The relics of San Giovenale was stolen!


San Giovenale’s successor, Bishop Massimo (died 416 A.D.) mandated construction of an oratory on his sepulcher, just outside the Narni Roman wall, which rapidly became a most venerated site.

San Giovenale’s body, as well as those of Saints Cassia and Fausta (6th-century Narni bishop – and his wife), were spirited off to Lucca by a Lombard duke in the 9th century.

The body of San Giovenale was later returned to Narni when Pope John VIII (born in Narni) threatened him with excommunication in the late 9th-century – although not Cassio and Fausta.

On their return to Narni, the relics of San Giovenale were apparently buried in the rock below a new shrine (now known as the Sacello di Santi Giovanale e Cassio) that was built close to the site of his original grave.

The Sacello di Santi Giovenale e Cassio was incorporated into the 12th-century cathedral in the 15th-century with the addition of a fourth nave (on the right as one enters the cathedral).

Later this small votive chapel is called simply Sacello di Cassio (“Chapel of Cassio”) in celebration of return of the relics of Cassio and Fausta in the late 17th-century (and at that time, the relics of San Giovenale were moved to the crypt beneath the main altar).

The wall serving as entrance to the sacello was constructed in the early 16th century, adopting architectural fragments from an earlier structure.

The inscription on the architrave above the entrance – just above the cosmatesque mosaic motif – records that Bishop Pietro Gormaz (1499-1515) commissioned the structure. Above this inscription, a 6th marble relief depicting two lambs facing a cross is dedicated to San Cassio and his wife Fausta.

Discovering the San Giovenale Cathedral with Anne

An early 14th-century polychrome wooden statue of San Giovenale is to the left of the relief….and to the right, a 16th-century Pieta’.

If you enter the door below the relief of the lambs, you’ll step into the 17th-century chapel, two 15th-century images of the saints, Giovenale and Cassio, reigning over the altar.

To the left of the altar, a small doorway leads you to the original sacello carved into the Roman walls of the town sheltering the sandstone sarcophagus once holding the body of San Giovenale, 7th-century reliefs sculpted on the front of the tomb.

As you leave the sacello, passing once again through the small chapel, look up as you re-enter the cathedral’s fourth nave. You’ll see a recent (1955) discovery: a 9th-century mosaic of Cristo benedicente (Christ blessing), flanked by 12th-c. frescoes depicting miracles of San Giovenale:

You’ll want to visit San Giovenale’s tomb below the main altar before leaving.

As you head to the main altar, you’ll pass San Giovenale blessing you in the 15th-c tempera on wood panel painting by Lorenzo di Pietro, known as “Vecchietta.”

Vecchietta’s wooden statue of Sant’Anthony Abbot is across the nave on the left side of the cathedral, his name and date (1475), inscribed on the base.

San Giovenale’s tomb is in the crypt, just below the altar and his relics were transferred here in the mid- 17th-century, although work on the presbytery and crypt was finished only in the 18th-century.

The narnesi make frequent visits to his tomb…..and not just on his feast day.

About Anne

Anne Robichaud received her degrees in both English Literature and Italian Language and Literature from the University of Santa Clara (California) in 1970, after also having completed studies in Italian literature and culture, as well as art history at the University for Foreigners in Perugia, Italy in 1969. She furthered her studies at the University of California, Berkeley in l972 and since 1973 has lived in Italy.

After teaching for two years in Rome, she and her Italian husband moved to a mountain area outside of Assisi (Umbria) where they worked the land, raised three children, and began restoring their farmhouse.

Dante 700 – 5 Canti dalla Divina Commedia

Il 25 marzo evento dedicato a Dante Alighieri

Dante 700 – 5 Canti dalla Divina Commedia

NARNI 24 marzo 2021 – Il 25 marzo 2021 è DANTE 700 la data che gli studiosi individuano come inizio del viaggio ultraterreno della Divina Commedia, e per questo recentemente dedicata a Dante Alighieri.

Il sommo poeta è da sempre il simbolo della cultura e della lingua italiana, ricordarlo insieme vuole essere un modo per unire ancora di più il Paese in questo momento difficile, condividendo i suoi versi dal fascino senza tempo.

DANTE 700 – INFERNO

“E quindi uscimmo a riveder le stelle”
5 canti dalla Divina Commedia

 La Corsa all’Anello partecipa all’iniziativa con
“Dante 700 – Inferno – E quindi uscimmo a riveder le stelle”, cinque canti dalla Divina Commedia, a cura di Andrea Mengaroni, che, attraverso la sua voce, farà vivere agli spettatori alcuni dei più celebri canti dell’Inferno ed allo stesso tempo li accompagnerà nei suggestivi scenari di una Narni Dantesca.

In questo strano viaggio, attraverso 5 canti della Divina Commedia, gli spettatori saranno introdotti da un personaggio misterioso e che pochi conoscono, un certo Gilio Cellio, notaio narnese che ebbe l’onore di conoscere Dante Alighieri. Gilio, dopo avere conosciuto i versi del sommo poeta, non può che immaginare la Narnia della sua epoca e i suoi cittadini essere i protagonisti, loro malgrado, della Divina Commedia stessa.

Dante 700 in streaming – 5 canti dalla divina commedia

Lo spettacolo verrà trasmesso in streaming, alle 21 di domani, 25 marzo, sul sito ufficiale della Corsa all’Anello www.corsallanello.it e sui canali facebook e youtube.

L’evento, è stato realizzato in collaborazione con ODLI (Organizzazione Diffusione Lingua Italiana) e con il Consolato d’Italia a Miami.

Il video sarà diffuso nelle scuole e nelle università della circoscrizione consolare di Miami in cui si insegna italiano, affinché possa essere utilizzato a scopo didattico e possa valorizzare la ricca e multiforme cultura italiana.

Buona visione

” Conobbi Dante il dì 7 di maggio del 1300
Quando in qualità di primo ufficiale
Del comune di San Geminiano
Ebbi a perorare la sua causa, nell’assemblea generale:
rafforzare l’intesa delle città guelfe alleate con Firenze
Rimasi colpito, ammirato, dall’uomo, dall’abile politico
Dal poeta “sommo” tra gli altri.
Conobbi la sua Poesia, la sua arte, i suoi scritti, e su tutti la sua Commedia.
Ancora oggi, benché trascorsi son tanti anni, ricordo i suoi versi immortali “Divini”
E mi sorprendo ad immaginare con amore la mia Narnia e non senza ironia i miei concittadini, al centro
Di quella sua eterna Commedia”

A.D. 1331 notaio Gilio, domini Celli,
Giudice delle Appellagioni e sindaco de Narnia

La moneta nel Medioevo e a Narni

La moneta nel Medioevo e a Narni

Monetazione circolante a Narni 1143-1371

Come cambia nel corso del tempo il denaro nel Medioevo e la moneta circolante Narni? Dalla riforma monetaria di Carlo Magno al denaro circolante a Narni intorno al 1371, come cambia il peso, e il valore dei soldi?

Con Carlo Magno dalla moneta aurea all’argento

A.D. 793-794 Con la riforma monetaria di Carlo Magno si ha un radicale cambiamento rispetto alle tradizioni romano- bizantine e longobarde.

Non vengono più coniate le monete auree e viene attuata una riforma monetaria che introduce un monometallismo basato sull’argento.
Il nuovo sistema monetario, adottato in tutto il Regno, è basato su di un unico nominale: il denaro.

Per gran parte del VII sec. I re Franchi avevano coniato soltanto una moneta d’oro, disinteressandosi di quella d’argento, sicché l’unità più piccola circolante era il “Tremis d’oro” dal peso teorico di 1,51 grammi, e l’immagine che se ne ricava non è certo quella di un’epoca favorevole ai piccoli traffici.

La riforma da esso varata impose in tutta l’Europa occidentale un unico sistema destinato a sopravvivere fino alla rivoluzione francese.

Il tasso fisso e il rialzo della libbra

Fondamento del sistema fu la decisione di coniare il denaro con un tasso fisso, che doveva essere rispettato in tutte le zecche.

A partire da una libbra d’argento si dovevano coniare 240 denari.
Il denaro d’argento doveva essere l’unica moneta coniata nell’impero anche se, nelle transazioni si usavano correntemente i multipli del denaro; multipli s’ intende puramente di conto e non corrispondenti a monete effettivamente coniate, come il soldo equivalente a 12 denari.

Ma il provvedimento più importante preso da Carlo, nei primi anni novanta, fu il rialzo del peso del denaro, e dunque della libbra.
Fino ad allora, e da tempo immemorabile, il denaro pesava 1,3 grammi cioè il peso di 20 grani di orzo, secondo il sistema ponderale in uso nell’Europa Romano Germanica.

Carlo Magno decise di passare ad un sistema basato invece sul chicco di frumento, che era ormai il cereale più apprezzato e stabilì che il denaro d’argento dovesse pesare quanto 32 grani di frumento, cioè 1,7 grammi. Poichè dalla libbra si coniavano 240 denari, ciò significò modificare anche il valore della libbra, portandola all’equivalente di 408 grammi.

Siamo rimasti senza spiccioli

Anche con la riforma Carolingia, l’Occidente rimase privo di una moneta veramente spicciola, utilizzabile durante gli scambi quotidiani; il denaro d’argento, la più piccola moneta in circolazione equivaleva nel 794 al prezzo di 12 pani di frumento o a 15 di segale.

Più in generale, chi frequentava il mercato, per comprare o vendere un pollo o una dozzina di uova lo faceva affidamento evidentemente sulla fiducia. Il venditore teneva un conto e si faceva pagare periodicamente.

 In conclusione da una libbra di 408 grammi di argento si ricavavano 240 denari, i cui multipli erano il soldo dal valore di 12 denari e la libbra o, successivamente lira, dal valore di 20 soldi.

Chi batte ( moneta ) per primo “batte” due volte!

Va specificato, che pur essendo fondamentale il valore di questa radicale riforma monetaria, la libbra carolingia non fu adottata proprio dovunque in senso assoluto, dato che in alcune città vennero mantenute altre antiche misure, con oscillazione del valore ponderale.

Ma a partire dagli albori della vita comunale, le città, approfittando della lontananza del sovrano e di alcune concessioni, si impossessano gradualmente della gestione della Zecca ( Lucca Arezzo Milano Venezia Firenze ecc).

Nel fondamentale discorso monetario infatti, entra anche la questione delle regalie, ovvero di quei diritti che erano prerogativa del sovrano, nei confronti delle nuove singole istituzioni cittadine e di quanto l’intenzione di esercitare questo privilegio, fu un elemento di rilievo nel durissimo scontro tra il Barbarossa ed i fieri comuni italiani.

Con l’incremento dei commerci la necessità di avere una moneta, che assolvesse nel modo migliore al commercio, portò alla creazione del “Grosso”, nome dato a molte monete d’argento.
Il primo fu coniato in Italia nel 1172.
Il valore poteva variare da 2 fino a 12 denari; successivamnete nel 1252 Firenze coniò la prima moneta d’oro: “ Il Fiorino”, dal peso di 3,5 grammi.
Seguì a breve tempo Venezia con il “Ducato” e Genova con il “Genovino”, tutti dal peso uguale di 3,5 grammi.
Anche Perugia battè moneta d’oro.

Il continuo modificarsi del valore di cambio fra oro e argento, dovuto alla perdita di argento, portò il denaro ad essere non più moneta ponderale ma fiduciaria o di segno, modificandosi anche nella composizione che divenne in mistura con percentuali sempre maggiori di rame.

Qual era la moneta dominante nel Medioevo a Narni?

Dentro questo scenario: il basso Medioevo, e nel periodo considerato 1143- 1371, la moneta dominante a Narni è il denaro detto “Cortonese”, coniato nell’officina di Cortona tra il 1258- 1289. Nei documenti consultati risulta essere la “Caput Moneta”, sia circolante che di conto.

Anche se per brevi periodi e a seconda dei committenti compaiono anche monete di altre zecche che , cronologicamente riportate, sono:

  • DENARI PAVESI O PAPIENSI  dal 1143
  • DENARI LUCCHESI  dal 1193
  • GROSSI TORONENSI  dal 1284
  • FIORINO D’ORO  dal 1285
  • DENARI PAPARINI  dal 1323
  • DUCATO D’ORO  dal 1355
  • DENARI PERUSINI  dal 1363
  • GROSSO POPOLINO  dal 1371.

Compare anche dal 1198 come unità di conto e di peso dal valore di 240 grammi la “Marca d’argento”.
Ma è il denaro Cortonese che risulta presente quasi ininterrottamente dal 1271 e in maniera preponderante sugli statuti comunali. Questa presenza pressochè continua, sia come circolante che di conto, lascia però dubbi sulla sua esistenza, sia per la breve vita della zecca di Cortona , 1258- 1289, che per la mancata presenza nei tesoretti e ripostigli archeologici.

A Narni nel Basso Medioevo, la moneta Cortonese è mai esistita veramente?

In questa ricerca si è potuto verificare l’impossibilità di acquisire la moneta Cortonese ( la stessa appunto utilizzata a Narni nel basso Medioevo )
La sua assenza nei musei, collezioni private, e case d’asta, la somiglianza e la perdurante sottomissione ai vescovi d’Arezzo e alla loro moneta, fa supporre ad alcuni la sua inesistenza.

Ora sul problema dell’individuazione della moneta Cortonese si sono espressi diversi studiosi di numismatica, fino ad arrivare alla conclusione che il denaro Cortonese, riconoscibile con la scritta “ De Cortona” e raffigurante San Vincenzo patrono della città, potrebbe essere in realtà un falso del XVIII secolo.


Ma è grazie al contributo dello studioso americano Alan Stahl se possiamo finalmente porre fine al problema identificativo del “Cortonese”. Questa moneta infatti, secondo una convincente documentazione, sarebbe da ricercare in alcune particolari tipologie di “Piccioli Aretini” che fino ad ora sono stati considerati come battuti esclusivamente nella zecca di Arezzo.

In conclusione possiamo oggi dire di essere certi di aver individuato una ben specifica tipologia di denaro “ Cortonese”, definito “delle lunette”, battuto per volere del Vescovo aretino Guglielmino degli Uberti nella zecca di Cortona dal 1262 o poco dopo, e riscontrabile tra le diverse varianti di un picciolo aretino presenti nell’XI volume del “C.N.I.” Corpus Nummorum Italicorum numero 33/42 pag 5/6. “ – Alessio Montagano.

Ecco perché una moneta dimostra come lo statuto di Narni sia più arcaico di quanto si creda (Basso Medioevo)

Per la monetazione è necessario chiarire anche il ruolo degli statuti comunali dopo la riforma Egidiana.
Supponiamo quindi che il nuovo statuto, conforme nei passaggi principali alle “Costituzioni Egidiane”, sia stato mantenuto nei valori monetari con le monetazioni in uso nel XIII secolo, ma non più attuali, con l’idea che lo stesso rappresentasse ormai ( 1371) un valore formale, come fosse un riconoscimento, da parte dell’autorità pontificia ad un’aspirazione a disporre di un’autonomia legislativa locale, che trae origine dallo “ius condendi statuta” concesso fin dal 1294 da Bonifacio VIII alle città del patrimonio, e mai venuto meno.

Si spiegherebbe in tal senso, la non necessaria esatta corrispondenza del singolo statuto alle mutate necessità della società comunale.
Se si considera che, nello statuto Amerino del 1346, la moneta di riferimento è la libbra di denari Perugini, quest’ultima a distanza di non più di 3 lustri aveva sostituito la libbra di denari cortonesi, che figurava nel precedente statuto del 1330.

Queste considerazioni portano a sostenere l’arcaicità dello Statuto Narnese, mai modificato, anche se nel libro III, cap. XXIII, compare il “Fiorino” e nel libro II cap LVII il “Popolino”, moneta fiorentina. Aggiustamenti ,questi, dovuti forse a necessità amministrative.

Altro segno dell’arcaicità dello Statuto Narnese si può considerare il riferimento alla Libbra Lucchese, come misura adottata nel libro I cap XXII, e al passo di San Salvato, misura di lunghezza esposta sul portale della demolita Chiesa di San Salvato (  per far posto proprio al Palazzo Comunale). Riferimenti che insieme alla moneta Cortonese posizionano gli statuti, come formulazione, ai primi anni del libero Comune Narnese.

Marco Carlini

FONTI

  • Bruno Marone: Scritti Vari
  • Statuti Illustrissima Citta’ Di Narni
  • Pergamene Dell’archivio Del Capitolo Della Cattedrale
  • Fondo Diplomatico Dell’archivio Storico Comunale Di Narni
  • Alessandro Barbero: “Carlo Magno”
  • Alessia Rovelli: “ Patrimonium Beati Petri- Emissione E Circolazione Monetaria Nel Lazio Settentrionale Sec.Xi-xiv”
  • Ugo Tucci: “Le Monete In Italia”
  • Luca Gianazza: “La Circolazione Monetaria Nel Basso Piemonte Tra Due E Trecento”
  • Girolamo Mancini: “La Moneta Cortonese”
  • Cortona Antica: “Monete Cortonesi Nel Medioevo”
  • Paolo Uccelli: “Storia Di Cortona”
  • Ignazio Orsini: “Storia Delle Monete Di Firenze”
  • Alessio Montagano: “Il Denaro Piccolo Battuto A Cortona Nella Seconda Meta’ Del Xiii Secolo”
  • F.Panvini Rosati: “La Monetazione Comunale In Italia”
  • Magdi A.M.Nassar: “Le Monete Di Arezzo”
  • M. Sbarbaro: “Il Movimento Dei Cambi E Dei Prezzi In Italia Dalla Meta’ Del Duecento Al Primo Cinquecento”
  • C.N.I. Corpus Nummorum Italicorum
  • M.I.R. Monete Italiane Regionali

Gilio Celli di Narni tra Dante Alighieri e i Tolomei di Siena

Gilio Celli di Narni

Tra Dante Alighieri e i Tolomei di Siena

Nell’Anno di Dante                                                                             

Nell’Anno dedicato a Dante è bene rievocare un personaggio di Narni che frequentò figure significative dell’ambiente toscano, e che per altro conobbe lo stesso poeta in una circostanza che è tuttora al centro di studi.
Il suo nome era Gilio o, come si vedrà Egidio Celli, e questa è la sua storia, che inizia a Narni nel maggio nel 1300 e che lo porterà a conoscere Dante e collaborare con i Tolomei di Siena.

Gilio di messere Cello di Narni

Il 7 maggio 1300 il podestà Mino Tolomei di Siena e il “domino Gilio domini Celli de Narnia”, primi ufficiali del comune di San Gimignano, presenziarono l’Assemblea generale convocata per accogliere l’ambasciatore fiorentino Dante Alighieri, il quale chiedeva a quella comunità di concordare l’elezione di un nuovo capitano della Lega tra le città guelfe, trovando tra gli interlocutori il “presente, volente e consenziente il provvido uomo messere Gilio di messere Cello da Narni (Egidio Celli) Giudice delle Appellagioni e sindaco della detta terra”, come traduceva Orazio Bacci in “Dante ambasciatore di Firenze al comune di San Gimignano”, del 1899.

La legazione di Dante, sostenuta anche da “messer Gilio” e supportata dal consigliere Primerano, convinse quella Assemblea, che si espresse con settantatre voti favorevoli e tre contrari, e in conseguenza si avviarono le procedure per rafforzare l’intesa tra le città di parte guelfa alleate con Firenze.

Sul documento di San Gimignano

Il documento che fotografa la vicinanza tra il poeta fiorentino e il giudice di Narni si ricava “Ex libris Reformationum Terrae S. Giminiani tempore D.ni Mini de Tolomeis de Senis Potestatis dicte Terre anno 1299”, e fu noto a Giuseppe Bencivenni Pelli, il quale nel 1759 lo evidenziò nelle “Memorie per servire alla vita di Dante Alighieri ed alla storia della sua famiglia”. Nel 1899 fu rivisitato da Michele Barbi, della Società Dantesca Italiana, che dimostrò l’inesattezza della data del “Liber Reformationum”, che seguiva il calendario nello stile toscano, allineandola al 1300 (Bullettino).

Nella documentazione di San Gimignano, e per solito nelle carte dell’area toscana, il giudice Celli è chiamato Gilio, che è altro modo di indicare Egidio (v. Crescimbeni, Derivazione), nome che appare negli scritti di Narni, e che normalmente si propone nei testi. Qui si riproducono i due termini come registrati negli atti, esponendo tuttavia nel titolo il nome Gilio, nel segno delle citate Riformanze.

Celli di Narni e Tolomei di Siena

La famiglia Celli è accertata a Narni in alcune pergamene del tempo, che riportano il giudice Cello ancora agli anni Ottanta del Duecento, e Peregrino a circa la metà del secolo successivo. E sul finire del 1299 – quindi prima dell’incarico a San Gimignano – incontriamo “Egidius domini Celli” teste in un trattato che vedeva Taverna Tolomei di Siena come mediatore tra Narni e Rieti circa la rocca di Monte Calvo, della quale in ultimo riconosceva l’insistenza nel Reatino e una sudditanza a Narni.  Per cui ogni anno quel castello doveva recare un cero per la Festa di san Giovenale, come riferiva nel 1904 Giuseppe Mazzatinti ne “Gli archivi della storia d’Italia”, e come si legge ne “Il fondo diplomatico dell’Archivio Storico Comunale di Narni”, curato nel 1986 da Annamaria Diamanti e da Carla Mariani.

Di fatto si invocava una pace a garanzia dei pellegrini che avrebbero percorso le vie nell’imminente Giubileo, indetto da papa Bonifacio VIII.

Così a trascrizione del 16 dicembre 1299, il medesimo Taverna Tolomei, che sarà podestà di Narni proprio nel 1300, ricomponeva anche una lite di confini tra la stessa Monte Calvo e Castiglione, – che oggi sono nel comune di Cottanello – sempre con la conferma del nostro Egidio.

Il giudice e la sua città

Il confrontarsi del giudice narnese con i Tolomei di Siena, che sapevano muoversi tra banche e politica, può certo rivelare una condivisione di formule ammininistrative tra Narni e Siena, e in generale con le città della Toscana. Tra le quali Firenze, dove nel 1308 troveremo Gilio nel rilevante ruolo di giudice del podestà, a fede de “I Consigli della Repubblica fiorentina”, trascritti nel 1921 da Bernardino Barbadoro.

“Egidius domini Cellis” operava a Narni nel 1331, quando la comunità si opponeva al Patrimonio di san Pietro in Tuscia, cui era sottoposta, sia per la tassazione applicata che nella vertenza sul possesso di Perticara e di Rocca Carlea. E la testimonianza di Egidio, e di altri notabili, può completare la visione di una città aperta e determinata che, oltre a difendere viabilità e confini, progettava una propria autonomia.  

Ser Pietro di Narni

Il giudice, pur partecipando alla vita politica di Narni, si spendeva quindi in missioni in luoghi talvolta distanti dalla Terra natale, e come lui altri concittadini, richiesti per capacità e competenza, quali “ser Petro de Narnia” che era nel Palazzo comunale di Firenze il 28 febbraio 1316, giorno in cui il vicario angioino Ranieri di Zaccaria di Orvieto sottomise al bando l’esiliato Dante: e questo si legge nella “Storia della vita di Dante Alighieri”, scritta nel 1861 da Pietro Fraticelli.

Con ser Pietro, notaio come recitava il titolo e testimone di quella sentenza, si chiude questa ricerca su Gilio o Egidio Celli “de Narnia”, che collaborò con Mino e Taverna dei Tolomei di Siena, e che il 7 maggio 1300 incontrò l’ambasciatore Dante Alighieri nel Palazzo della comunità di San Gimignano, in un memorabile Consiglio aperto “al suono della campana e a voce del banditore” nell’aula poi denominata “Sala Dante”.

Claudio Magnosi

Testimonianze dal contagio, la Corsa racconta la pandemia

Testimonianze dal contagio, la Corsa racconta la pandemia

Ad un anno esatto dal lockdown, Corsa all’Anello presenterà “Testimonianze dal contagio” spettacolo di Paolo Gazzara sulle pandemie.

NARNI 4 marzo 2021 – Il 9 marzo, ad un anno esatto dal giorno in cui l’Italia è entrata in lockdown a causa della pandemia, l’Associazione Corsa all’Anello presenterà “Testimonianze dal contagio”, una drammaturgia realizzata da Paolo Gazzara, sul tema delle epidemie che hanno afflitto l’umanità dai tempi più antichi fino ai nostri giorni.

Il lavoro, realizzato in gran parte in streaming, richiama una lettura drammatica tenuta al Teatro Manini nel settembre 2020, durante il Festival delle Arti del Medioevo, al termine di uno stage tenuto da Gazzara.

Il teatro sperimenta lo streaming

Visto il successo dello spettacolo ed il drammatico e prolungato protrarsi della pandemia, si è ritenuto che l’iniziativa potesse essere non soltanto replicata, ma soprattutto esportata in streaming al grande pubblico, invitato a condividere riflessioni ed emozioni sull’esperienza che tutto il mondo sta vivendo.
E così la lettura – spettacolo è diventata l’occasione per sperimentare un nuovo linguaggio, fatto di teatro e di testimonianze rivissute in streaming da tutti i lettori – interpreti.

Il video utilizza brani tratti da opere letterarie di Manzoni, Boccaccio, Camus, Saramago, Sontag, Aleksievic e Mastrocola. Le musiche originali sono di Francesco Gazzara.

L’entusiasmo nelle parole di Paolo Gazzara

 “Tra le numerose interessanti esperienze di teatro e di televisione che ho avuto occasione di vivere
– ha commentato Paolo Gazzara – questa lettura drammatica sulla calamità del contagio è certamente tra quelle che più mi hanno coinvolto. Non soltanto per le ovvie ragioni legate al drammatico tema della pandemia, ma anche perché, facendo ‘di necessità virtù’, come spesso accade, confesso di essermi lasciato coinvolgere con piacere dalla forte tentazione dello streaming.
Scelta obbligata si dirà, dati i tristi eventi del lockdown e della interminabile lunga notte dei teatri.
Ma anche imprevista opportunità per sperimentare un linguaggio nuovo, nel quale teatro e online potessero alternarsi e confrontarsi, e fondersi e confondersi tra loro: con effetti suggestivi oltre che
in gran parte imprevedibili. Da questa pretesa – ha aggiunto – è nato il nostro ‘Testimonianze dal contagio’.

La differenza sostanziale tra il linguaggio teatrale e quello, più diretto e più intimo, della comunicazione in streaming, non impedisce che si formi un rapporto intenso tra ciò che va in scena su un palcoscenico e ciò che l’attore tiene per sé, nella sua verità più personale, più indicibile, rivissuta da lui solo nel chiuso della sua casa e trasmesso via etere, senza enfasi e senza finzioni. E voglio elogiare – ha concluso – senza riserve i miei interpreti per aver saputo accostare alla recitazione attoriale una “non recitazione”, una spontaneità di accenti che davvero costituisce una prova d’attore quasi inedita. E di forte qualità comunicativa”.

Paolo Gazzara

Lo spettacolo farà da prologo all’edizione 2021

Ad un anno esatto dal lockdown, Corsa all’Anello non si arrende, e “Testimonianze dal contagio” spettacolo di Paolo Gazzara sulle pandemie farà da prologo all’edizione di aprile della Corsa all’Anello che sarà, per così dire, ibrida.
Ci saranno infatti molti eventi digitali e, dove sarà possibile, seguendo l’andamento dell’emergenza covid 19, verranno organizzati eventi in presenza.


L’Associazione Corsa all’Anello sta organizzando contestualmente anche dei workshop visto il successo dell’esperienza dello scorso settembre che ha “regalato” prodotti di qualità proprio come lo spettacolo di Gazzara, esibizione finale di uno dei laboratori.
A breve verranno comunicati tutti i dettagli ed il programma.

L’Associazione Corsa all’Anello informa che sta pianificando anche un’edizione completa, che si terrà entro il 2021.

Copyright © 2009 - 2021 by Ente Corsa all'Anello - Narni (TR). Tutti i diritti sono riservati ed è vietato qualsiasi utilizzo non autorizzato.