Matteo Nardella

Matteo Nardella

,

Matteo Nardella di Bevagna (PG), si è formato fin da giovanissimo presso la scuola di musica comunale N.Maurizi e la Banda Città di Bevagna dirette dal M° Filippo Salemmi. Ha sempre vissuto con passione il contesto musicale medievale del Mercato delle Gaite. Ha studiato clarinetto prima con Natalia Benedetti e successivamente presso Il Conservatorio Morlacchi di Perugia i corsi pre accademici con il professor Luca Saracca; contemporaneamente ha proseguito gli studi di musica medievale con Daniele Bernardini. Si è laureato nei corsi di triennale e di master in Alta Cappella a Basilea alla Schola Cantorum Basiliensis con Ian Harrison, frequentando le classi di Crawford Young e Veronique Daniels; ha seguito le classi di perfezionamento di Marc Lewon, Baptiste Romain, Ken Zuckerman, Corina Marti e Katarina Livljanić. Segue da sempre le masterclass di Alta Cappella e musica d’insieme del Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg” di Spello.
Suona bombarda, flauto doppio, flauto e tamburo, cornamuse, canto.
Ha curato le musiche dello spettacolo “Le Storie del Mediterraneo” di Amedeo Feniello e Alessandro Vanoli, presentato per la prima volta al Festival del Medioevo di Gubbio.
Ha collaborato con l’Ensemble Cantores Umbri e l’Ensemble Tentalora.
E’ il cofondatore, direttore artistico e musicale dell’Ensemble MusiCanti Potestatis; collabora con l’Ensemble Laus Veris e con l’Ensemble Aquila Altera.
Collabora da diversi anni con l’Ensemble Micrologus e con la formazione di Alta Cappella Tripudiantes Potestatis.

MusiCanti Potestatis