Scopri Terziere Mezule

,

Il Terziere Mezule, o Parte De Sopra, si colloca poco sopra piazza Garibaldi estendendosi fino alla Rocca dell’Albornoz; nascosto al grande flusso, conserva ancora oggi la tipicità e le caratteristiche del Borgo Medievale.
Il suo vessillo è una Torre Nera in campo Bianco.

L’ingresso principale del Terziere, celato da altrui vessilli, si inserisce nell’antico tracciato della via Flaminia (oggi via XX Settembre), che tortuosa da Piazza Garibaldi sale il monte e si dirama in un groviglio affascinante di vicoli e stradine con scale e ciottoli, sul percorso vale la pena soffermarsi ad ammirare il Palazzo dei Conti Mancinelli in via Aspromonte, il suggestivo scorcio con archetto in cotto del 1400 in via del Monte, la Chiesa di S.Margherita, per finire con l’imponente Rocca Albornoziana e durante i festeggiamenti gli Ambienti Medievali.

Molti di questi ambienti medievali ricostruiti abilmente dai volontari, sono negli anni divenuti il “palcoscenico” perfetto per le apprezzatissime rappresentazioni delle Giornate Medievali di Mezule, vero e proprio fiore all’occhiello del Terziere, che negli anni ha raccontato veri e propri episodi della storia trecentesca narnese attraverso coinvolgenti e spettacolari scene di teatro di strada.

Per il visitatore che entra a Narni, il Terziere Mezule non è immediatamente visibile, ma con un po’ di fortuna si scopriranno i suoi vicoli e le sue piccole piazze e con esse le taverne del Terziere… L’Hostaria, L’Aquila Nera, le Stranezze e l’antichissimo forno che ininterrottamente dal Medioevo ad oggi ha continuato a diffondere nell’aria profumo di pane e pizza.

All’interno di caratteristici locali, la consolidata tradizione Mezulana nell’arte della cucina propone piatti della cucina tipica Umbra e pietanze dal gusto Medioevale che negli anni hanno conquistato i commensali in visita alle Osterie del Terziere.
Nelle taverne illuminate anche dalla luce delle candele in un connubio fra cibo, canti e poesia, sarà data ai partecipanti la possibilità di vivere l’essenza del Medioevo.

I TRE TERZIERI