fbpx

Tag: laboratori

Al via le iscrizioni per i laboratori del Festival delle Arti del Medioevo

NARNI 9 agosto 2022 – Al via le iscrizioni per i laboratori organizzati nell’ambito del Festival delle Arti del Medioevo, che si terrà da giovedì 1 a domenica 4 settembre. I laboratori, parte importante dell’edizione estiva della Corsa all’Anello, verranno tenuti da docenti di alto livello e saranno quattro: sartoria storica, teatro medievale, cornamusa e danza medievale. L’organizzazione dei laboratori rientra nel progetto di “In arte veteri”, Università del Medioevo Ricostruito.

 

I Laboratori del Festival delle Arti del Medioevo 2022

LABORATORIO DI SARTORIA STORICA – Sarà riservato a 60 partecipanti e sarà tenuto dal docente Federico Marangoni, scrittore, conferenziere, docente, studioso indipendente e consulente storico. Giovedì 1 settembre alla Sala Digipass alle 18 si inizierà con la conferenza aperta al pubblico “Condottieri e milizie in Italia a fine Trecento”, mentre alle 21 a Palazzo dei Priori ci sarà “Ricostruzione di ruoli e figure militari nei cortei dei Terzieri di Narni”, il laboratorio di sartoria storica. Il ciclo proposto (suddiviso in 4 lezioni, una laboratoriale in presenza il 1 settembre e 3 online con cadenza mensile circa) affronterà i vari argomenti in modo dettagliato e tecnico, finalizzato alla messa in pratica delle informazioni fornite per la realizzazione di nuovi abiti ed oggetti con cui arricchire le parti militari dei cortei dei terzieri. Nel primo incontro, che è l’unico previsto in presenza, si propone di dedicare tempo soprattutto all’analisi degli abiti e oggetti attualmente in dotazione ai terzieri per commentarne pregi e difetti.

 

LABORATORIO DI TEATRO MEDIEVALE – Sarà riservato a 20 partecipanti e sarà tenuto dal docente Andrea Mengaroni, da 25 anni giullare Silvestro, attore e regista, insegnante di teatro. Sabato 3 settembre all’Orto di Poca Considerazione (Palazzo dei Priori), alle 18 si terrà “De Aqua loquendo”, laboratorio di teatro medievale finalizzato alla realizzazione di uno spettacolo avente per tema l’acqua, con la consulenza artistica di Paolo Gazzara che avvierà anche un laboratorio propedeutico di recitazione. Il laboratorio che si vuol proporre per un totale di 40 ore (2 ore a settimana), sarà diviso in due parti: una parte teorica, in cui si affronterà la figura dell’attore ed una parte pratica che prevede la concentrazione sul testo “De Aqua loquendo” per la realizzazione dello spettacolo finale, che vedrà coinvolti insieme i quattri laboratori di danza, costume, cornamusa e teatro.

 

LABORATORIO DI CORNAMUSA – Sarà riservato a 8 partecipanti e sarà tenuto dal docente Matteo Nardella, musicista che si esibisce in concerti di musica medievale e rinascimentale in Italia e all’estero.  Le lezioni saranno articolate tra momenti di pratica individuale per perfezionare il controllo dello strumento e di musica di insieme, cercando di sperimentare in gruppo tra eterofonia e forme di polifonia “rustica”. Si inizierà venerdì 2 settembre all’Orto di Poca Considerazione (Palazzo dei Priori) alle 18 con “ … quae vulgo dicitur ‘Barbara”.

 

LABORATORIO DI DANZA MEDIEVALE – Sarà riservato a 60 partecipanti e sarà tenuto dalla docente Maria Cristina Esposito, esperta di danza storica. Il laboratorio tratterà coreografie originali e in stile con riferimento al tema dell’acqua bene comune, come definito nelle Metamorfosi di Ovidio “Usus communis aquarum est” (Metam. VI, 349), in attinenza al tema generale del progetto teatrale 2022 – 2023 e pratica delle tecniche e degli stili di danza di epoca tardo medievale, con particolare riguardo alle danze di repertorio italiano e francese, ricostruite sulla base delle fonti dell’epoca e riproposte in funzione teatrale in collaborazione con i laboratori di teatro, costumi e musica. Si inizierà domenica 4 settembre a Largo San Francesco alle 11 con “Con festevole & onesto danzare”.

 

Per iscriversi ai laboratori gli interessati potranno accedere alla sezione workshop del sito ufficiale della Corsa all’Anello www.corsallanello.it.

 

Corsa, tutti i workshop di Secondo Aevo

NARNI 13 agosto 2021 – In occasione di Secondo Aevo (27 agosto – 5 settembre) torneranno i workshop in ambito medievale organizzati dall’Associazione Corsa all’Anello.

I laboratori, tenuti da docenti di alto livello, saranno otto: percussioni, cucina, danza antica, chiarina, cornamusa, drammaturgia e recitazione, teatro e sartoria.
L’organizzazione dei workshop a carattere medievale, iniziata lo scorso anno in occasione del Festival delle Arti del Medioevo e continuata quest’anno con Primo Aevo, è il primo step di un’idea molto più ampia che vuole mettere Narni al centro del mondo delle ricostruzioni storiche, grazie all’Università del Medioevo Ricostruito che vede nei laboratori l’avvio di un importante progetto che proseguirà nel tempo.

Per iscrizioni consultare la sezione sul sito ufficiale della Corsa all’Anello www.corsallanello.it.

WORKSHOP PERCUSSIONI – Si intitolerà “L’Homme Armè” ed inizierà sabato 4 settembre alle 18,30 in Piazza dei Priori. La seconda lezione ci sarà sabato 18 settembre alle 18,30 al Digipass, la terza domenica 19 settembre sempre alle 18,30 al Digipass. Anche per questa edizione il maestro Simone Sorini condividerà con i corsisti tutto il suo sapere sul mondo delle percussioni. Durante il workshop si tratterà la sperimentazione pratica d’insieme, con e senza strumento e di affronteranno nozioni basilari di storia della musica medievale e di prassi esecutiva ed interpretativa della musica antica, con accenni teorici e pratici alla vocalità medievale anche coordinata all’utilizzo ritmico dello strumento.

WORKSHOP CUCINA MEDIEVALE – Si intitolerà “La lasagna. Da Padova a Venezia, in onor del Gattesco” e ci sarà domenica 5 settembre alle 12. I partecipanti impareranno insieme ad Elisabetta Carli a cucinare la Lasanae, antenate dell’attuale lasagna, seguendo la ricetta del Liber de Coquina. Si inizierà con la preparazione della pasta fresca secondo le metodologie medievali e si procederà poi con il condimento, spiegando l’uso del burro – olio, caseus siccus e le spezie. Uno show-cooking a prova dell’Anonimo Padovano e dell’Anonimo Veneziano.

WORKSHOP DANZA ANTICA E MEDEIVALE – Si intitolerà “Di guerra e di virtù. Omaggio in danza al Gattamelata” ed inizierà domenica 5 settembre alle 10 al teatro comunale Manini con Maria Cristina Esposito. La seconda lezione si terrà domenica 12 settembre alle 10 sempre al Manini, la terza domenica 19 settembre alle 10 al teatro. Un omaggio in danza al grande condottiero di Narni articolato in tre appuntamenti laboratoriali che proporranno lo studio teorico-pratico di danze di repertorio italiano e francese dei secc. XV-XVI inerenti al tema della guerra. Il programma prevede lo studio dello stile italiano del XV secolo; della trattatistica francese e italiana del XVI sec

WORKSHOP CHIARINA – Insieme a Fabrizio Antonelli verrà approfondito il tema delle tubicine, con focus sulla ritmica e sulle sonorità militari. Un laboratorio composto da tre appuntamenti dove i corsisti potranno accrescere le proprie conoscenze dello strumento con lo studio teorico e con l’esercizio pratico, il percorso culminerà con un’esibizione congiunta. Il programma del corso prevede: fondamentali della tromba per aumentare il bagaglio tecnico, consolidamento della tecnica imitativa tesa alla produzione di segnali di guerra, l’arte dell’improvvisazione, l’invenzione e scrittura di squilli militari, lo studio ed esecuzione di parte de “Tutta l’arte della Trombetta” di Cesare Bendinelli, il consolidamento dei primi modi ritmici medievali affrontati lo scorso anno e approfondimento dei successivi e lo studio del ritmo e della prosodia contenuta nella Divina Commedia di Dante con la messa in musica di alcuni passaggi. La prima lezione si terrà sabato 4 settembre alle 17 in Piazza dei Priori, la secdonda sabato 11 settembre alle 10 alla Sala Alvino Misciano (teatro comunale Manini), la terza sabato 18 settembre alle 10 sempre alla Sala Misciano.  

WORKSHOP CORNAMUSA – Il laboratorio, iniziato durante la prima edizione di Primo Aevo, con Goffredo Degli Esposti è ormai giunto alla settima lezione. Dopo la propedeutica musicale e strumentale, durante la quale gli allievi si sono esercitati con il flauto dolce, siamo in procinto di passare all’utilizzo del piffero e della cornamusa. Il lungo percorso necessario all’apprendimento, procede secondo le tappe previste, con il passaggio dalle tecniche base a quelle di approfondimento. Le lezioni affrontano temi sia storici che tecnici, proponendo esercizi e melodie provenienti da repertori squisitamente medievali. Particolare attenzione verrà data anche all’intonazione e alla manutenzione degli strumenti; anche se di moderna costruzione, questi ultimi sono realizzati artigianalmente uno ad uno riproducendo fedelmente fattura e materiali. L’apprendimento avverrà sia “ad orecchio” , sia tramite partiture scritte, a seconda del livello di preparazione dell’allievo. La lezione si terrà venerdì 3 settembre alle 22.

WORKSHOP DI DRAMMATURGIA E RECITAZIONE – Si terrà sabato 4 settembre alle 16.30. Un corso d’eccezione quello tenuto da Davide Sacco, dedicato all’evoluzione della drammaturgia dal Medioevo ad oggi. Verranno affrontate le basi della recitazione, con particolare attenzione al movimento collegato alla parola, all’espressività e alla consapevolezza del proprio corpo in palco in relazione agli altri attori. La seconda parte del corso consisterà nello specifico nella stesura di un testo dedicato alla figura del Gattamelata, in cui verranno messe in pratica le nozioni apprese nella prima parte. I corsisti che vorranno saranno anche direttamente coinvolti nell’interpretazione del testo, che, insieme ai risultati degli altri laboratori, sarà la parte centrale della messa in scena finale. I corsi si terranno ogni 2 settimane e verranno concordati con i partecipanti al corso.

WORKSHOP TEATRO – Si intitolerà “Il giullare, dall’ Insipiens all’Arlecchino” ed avrà lugoo giovedì 2 settembre alle 22. Lezione aperta a cura di Andrea Mengaroni ad apertura del corso che inizierà a dicembre 2021 e terminerà ad aprile 2022. Il corso avrà una durata di 40 ore (diviso su 16 appuntamenti) e sarà composto da una parte teorica in cui si affronterà la figura del giullare dalle sue origini passando per il buffone di corte e via via fino alla figura di Arlecchino, concentrandosi anche sul verso e la metrica. Nella parte pratica, invece, ci si soffermerà su un lavoro sullo spazio, sul corpo, sulla voce, sulla fantasia per arrivare alla recitazione più propriamente di piazza, all’importanza della contestualizzazione, e concludere con la recitazione tipica della Commedia dell’Arte. Ci si focalizzerà inoltre anche sulla scrittura di vere e proprie incursioni giullaresche.

WORKSHOP SARTORIA MEDIEVALE – Si intitolerà “Tessuti al tempo del Gattamelata” e si terrà domenica 29 agosto alle 11. Una prima lezione aperta a cura di Sara Piccolo Paci sul tema dei tessuti che sarebbero stati a disposizione di un condottiero come Erasmo da Narni. Seguiranno alla lezione tre appuntamenti formativi dedicati ai laboratori pratici di sartoria, il 29 agosto, il 9 ottobre ed il 10 ottobre a Palazzo Fraporta. 

Corsa, tutti i workshop del Festival delle Arti del Medioevo

Corsa, tutti i workshop del Festival delle Arti del Medioevo

NARNI – I workshop organizzati nell’ambito del Festival delle Arti del Medioevo, che si terrà dal 3 al 6 settembre, rappresentano una parte importante dell’edizione straordinaria della Corsa all’Anello, il cui programma completo verrà svelato a breve. I laboratori, tenuti da docenti di alto livello, saranno sette: tre di teatro medievale, due di musica medievale, uno di danza medievale ed uno di costume storico. L’organizzazione dei workshop è il primo step di un’idea molto più ampia che vuole mettere Narni al centro del mondo delle ricostruzioni storiche, grazie all’Università del Medioevo Ricostruito che vede nei laboratori l’avvio di un importante progetto che proseguirà nel tempo.

“La proposta dei laboratori – spiegano dalla segreteria coreografica dell’Associazione Corsa all’Anello diretta da Patrizia Nannini e Sandro Angelucci è un punto di partenza verso il progetto dell’Università del Medioevo Ricostruito. I workshop avranno una duplice valenza: serviranno ai componenti dei terzieri di Mezule, Fraporta e Santa Maria per crescere, formarsi, avere nozioni in più sulle ricostruzioni storiche che sono la parte centrale del loro lavoro, basti pensare agli ambienti, alle sartorie, ai gruppi danza, ai musici ed alle giornate medievali. Sarà un modo per non fermarsi, ma per guardare avanti, sfruttando un’occasione preziosa di arricchimento culturale che troverà spazio poi nelle attività della Corsa all’Anello. Dall’altra parte darà modo agli ‘esterni’ di partecipare a dei corsi diretti da docenti di alto livello che potranno in ugual modo arricchire le loro conoscenze. Il nostro obiettivo – concludono – è quello di far diventare Narni e la Corsa all’Anello il punto di riferimento del Medioevo ricostruito”.

I Workshop del Festival delle Arti del Medioevo avranno sede in tutte le strutture già predisposte in tema di sicurezza covid e sarà possibile assistere ai corsi in modalità ridotta anche on line. Gli workshop prevedono un numero massimo di iscritti. Per info e prenotazioni si può accedere alla sezione workshop (canale dedicato) del sito ufficiale della Corsa all’Anello www.corsallanello.it.

WORKSHOP TEATRO – I laboratori saranno tre e si svolgeranno alla Rocca Albornoz.

Il primo, di lettura drammatica, si intitola “Testimonianze dal contagio” e sarà tenuto da Paolo Gazzara con la partecipazione di Francesca Michelini. Consisterà in un’esercitazione di lettura drammatica di alcuni testi letterari, che hanno per oggetto le epidemie che hanno afflitto l’umanità dai tempi più antichi fino ai nostri giorni. Le diverse testimonianze letterarie confluiranno in una drammaturgia curata da Gazzara che costituirà il materiale primario dello stage. E’ prevista anche un’esercitazione finale, a conclusione delle tre giornate di lavoro comune, che intende sottolineare che ogni workshop teatrale dovrebbe trovare sulle tavole di un palcoscenico il suo esito naturale.

Il secondo, di mimica e gestualità da teatro di piazza, si chiama “Il giullare dall’insipiens all’arlecchino” e sarà tenuto da Andrea Mengaroni. Il laboratorio sarà diviso in due parti. Una parte teorica in cui si affronterà la figura del giullare dalle sue origini, con cenni anche sul verso e la metrica ed una parte pratica nella quale ci si soffermerà in un lavoro sullo spazio, sul corpo, sulla fantasia, per arrivare alla recitazione più propriamente di piazza, all’importanza della contestualizzazione, per poi concludere con la recitazione tipica della Commedia dell’Arte.

Il terzo, di regia teatrale, si intitola “Regia e copione, coesistenza di un problema” e sarà tenuto da Germano Rubbi. Il workshop intenderà fornire una serie di strumenti per capire le dinamiche della messa in scena teatrale attraverso una lettura delle diverse metodologie di regia utilizzate dalla comparsa del teatro greco fino ad arrivare alle regie contemporanee. Sarà dato ampio spazio alle esercitazioni pratiche attraverso l’ipotesi di una messa in scena “diretta” ricavata da un testo.

WORKSHOP MUSICA – I laboratori saranno due e si svolgeranno nella sala consiliare del palazzo comunale.

Il primo, di percussioni, sarà tenuto da Simone Sorini e si baserà sui modi ritmici medievali, consistenti nella sperimentazione pratica d’insieme con e senza strumento, e nell’acquisizione teorica delle diverse nomenclature e corrispondenze. Verranno fornite nozioni basilari di storia della musica medioevale e primo approccio alla prassi esecutiva ed interpretative della musica antica, accenni teorici e pratici alla vocalità medievale, anche coordinata all’utilizzo ritmico dello strumento.

Il secondo, di fiati, sarà tenuto da Fabrizio Antonelli. Il laboratorio intenderà proporre due giorni dedicati alla preparazione tecnica e storica degli strumenti a fiato utilizzati per i cortei. Le lezioni saranno adeguate e calibrate secondo le diverse caratteristiche e qualità di ogni gruppo.

WORKSHOP DANZA – Il laboratorio chiamato “Di atti ben composti e di dolci gesti” sarà tenuto da Maria Cristina Esposito e si svolgerà al teatro comunale. Al termine del workshop è prevista una performance a tema collegata agli eventi della Corsa all’Anello (ed eventualmente ad un progetto teatrale) con costumi d’epoca e strumenti musicali antichi.

WORKSHOP COSTUME ANTICO – Il laboratorio, intitolato “Tessuti e colori: il loro utilizzo nel Trecento” sarà tenuto da Sara Piccolo Paci e si svolgerà alla Sala Digipass di Palazzo dei Priori. Nella prima parte verrà espolorato il contesto in cui la conoscenza del tessuto, del suo valore, della qualità e dei colori è essenziale per iniziare un percorso di comprensione del mondo medievale e dell’abbigliamento del tempo. Nella seconda parte verranno visti e toccati campioni di stoffe adatte per essere utilizzate nella riproduzione di abiti ed accessori trecenteschi, iniziando la realizzazione di un piccolo campionario – “Giornale dei Tessuti” – tessile che ciascun partecipante potrà implementare con campioni di tessuti anche in seguito. Inoltre, verrà realizzato un piccolo oggetto in tessuto, di cui verranno provvisti i materiali e le spiegazioni, secondo le logiche sartoriali antiche e con rifiniture adeguate.

Copyright © 2009 - 2022 by Ente Corsa all'Anello - Narni (TR). Tutti i diritti sono riservati ed è vietato qualsiasi utilizzo non autorizzato.