Vetrina History Games

...torna al Mercato MultiMedievale

Alquerque

Gioco medievale di strategia

Introdotto in Spagna durante la dominazione araba e dalla Spagna si diffuse nel resto dell’Europa. Le regole sono tratte dal Libro de los juegos commissionato da Alfonso X di Castiglia nel XIII secolo. Può essere considerato un antenato della dama.

Descrizione: cuoio 30×30 cm pirografato; sacchetto di stoffa con pedine in pasta di vetro; foglietto illustrativo con la storia del gioco, le regole e un’immagine tratta da testi, pitture o graffiti del periodo storico; confezionato in scatola di cartone con la propria iconografia.

Tris

Gioco medievale di strategia

È la versione medievale del Terni lapilli e quindi anch’esso risulta un antenato del moderno Tris. Nel Libro de los juegos questo gioco è menzionato col nome di Alqueque de tres.

Descrizione: cuoio 30×30 cm pirografato; sacchetto di stoffa con pedine in pasta di vetro; foglietto illustrativo con la storia del gioco, le regole e un’immagine tratta da testi, pitture o graffiti del periodo storico; confezionato in scatola di cartone con la propria iconografia.

Mulino

Gioco medievale di strategia

Mulino è sostanzialmente una versione medievale del romano Tria, l’odierno Filetto. Risulta il gioco più attestato fra quelli incisi sulle pietre dei monumenti di epoca medievale, soprattutto nei posti di guardia e nei chiostri delle chiese. Si gioca con nove pedine, infatti nel Libro de los juegos è menzionato col nome di Alqueque de nueve.

Descrizione: cuoio 30×30 cm pirografato; sacchetto di stoffa con pedine in pasta di vetro; foglietto illustrativo con la storia del gioco, le regole e un’immagine tratta da testi, pitture o graffiti del periodo storico; confezionato in scatola di cartone con la propria iconografia.

La Volpe e le Oche

Gioco medievale di caccia

Deriva dall’antico gioco nordico chiamato Halatafl, derivato a sua volta dallo Hnefatafl. Nel Libro de los juegos questo gioco è menzionato col nome di De Cercar la Liebre. L’obiettivo del gioco è differente per i due partecipanti, come fosse una simulazione di caccia.

Descrizione: cuoio 30×30 cm pirografato; sacchetto di stoffa con pedine in pasta di vetro; foglietto illustrativo con la storia del gioco, le regole e un’immagine tratta da  testi, pitture o graffiti del periodo storico; confezionato in scatola di cartone con la propria iconografia.

Tablut

Gioco medievale di strategia

Derivato dal gioco vichingo Hnefatafl, Tablut in epoca medievale era giocato nell’Europa settentrionale. È conosciuto anche con il nome Linneo. Simboleggia il confronto fra due schieramenti marcatamente diversi: gli avversari si confrontano ad armi impari, secondo regole diseguali, che li differenziano per dotazione di pezzi, movimento e obiettivi.

Descrizione: cuoio 30×30 cm pirografato; colorazione realizzata con sostanze vegetali autoprodotte; sacchetto di stoffa con pedine in pasta di vetro; foglietto illustrativo con la storia del gioco, le regole e un’immagine tratta da testi, pitture o graffiti del periodo storico; confezionato in scatola di cartone con la propria iconografia.

Tavola reale

Gioco medievale di percorso

Tavola Reale è una delle versioni medievali del gioco romano Tabula. Nel Libro de los juegos ne sono descritte quindici varianti. Viene raffigurato in numerosi dipinti e codici medievali. E’ l’antenato più diretto del moderno Backgammon, ma si gioca in maniera diversa e più avvincente.

Descrizione: cuoio 30×42 cm pirografato; colorazione realizzata con sostanze vegetali autoprodotte; sacchetto di stoffa con pedine in pasta di vetro e 3 dadi in legno fatti a mano; foglietto illustrativo con la storia del gioco, le regole e un’immagine tratta da testi, pitture o graffiti del periodo storico; confezionato in scatola di cartone con la propria iconografia.

Tavola delle quattro stagioni

Gioco medievale di percorso

Questo gioco è l’unica versione medievale di gioco delle tavole da quattro giocatori. È descritta fra le varianti dei giochi delle tavole nel Libro de los juegos. Ogni giocatore sceglie un colore corrispondente ad una stagione e si posiziona nel proprio comparto. Anche questo gioco è un antenato del moderno Backgammon, ma con quattro giocatori cambia la strategia di gioco, divenendo più coinvolgente.

Descrizione: cuoio 30×30 cm pirografato; colorazione realizzata con sostanze vegetali autoprodotte; sacchetto di stoffa con pedine in pasta di vetro e 3 dadi in legno fatti a mano; foglietto illustrativo con la storia del gioco, le regole e un’immagine tratta da testi, pitture o graffiti del periodo storico; confezionato in scatola di cartone con la propria iconografia.

Dadi e lanciadadi

È possibile confezionare i giochi con set di dadi in legno o in osso a sei facce fatti a mano con i pallini e i cerchietti come quelli antichi, oppure prendere soltanto i dadi in numero variabile. E’ possibile commissionare anche il lanciadadi o bussolotto, detto in epoca romana Fritillus, e la Turricola o Torretta lanciadadi con piani inclinati interni.

La Zara

Gioco medievale con i dadi

La Zara era, nel Medioevo, il gioco d’azzardo con i dadi più diffuso e conosciuto, era così in voga da meritarsi una menzione da parte di Dante. Il set si compone di 3 dadi in legno fatti a mano, sacchetto e libricino con regole e aneddoti, fra cui il passo di Dante. Può essere corredato da lanciadadi.

Monili medievali

Historygames ha pensato di realizzare una linea inedita di monili ispirata al gioco da tavolo nel mondo antico riproducendo la foggia delle pedine e di alcuni elementi decorativi antichi su ciondoli, orecchini e anelli, allo scopo di divulgare la cultura del gioco e delle civiltà passate anche attraverso i gioielli.

  • Collana double face – ricostruzione storica di una pedina da gioco romana (II sec. d.C.) e medievale (X-XI sec.)
  • Pedina a dischetto decorata con circoli concentrici da un lato e con decorazioni a linee e motivi a punti dall’altro. Il ciondolo è realizzato in metallo argentato invecchiato (nickel free). E’ incluso un laccio di seta. Misura approx. 2 x 2cm
  • Orecchini
  • Ricostruzione storica di una pedina da gioco medievale (X-XI sec.) a dischetto decorata con linee e motivi a punti. Sono realizzati in metallo argentato (nickel free). Misura approx. 2.5cmx2cm
Copyright © 2009 - 2020 by Ente Corsa all'Anello - Narni (TR). Tutti i diritti sono riservati ed è vietato qualsiasi utilizzo non autorizzato.